Non solo life style e charme metropolitano, il fascino di Barcellona si estende anche agli immediati dintorni della sua provincia, esprimendosi sempre ai massimi livelli. Tra un tocco di vibrante spensieratezza ed uno di relax ammaliatore, varie sono le proposte per trascorrere una giornata, o ancor meglio un week-end in totale sintonia con sé stessi o con il proprio partner, alla ricerca di un più che meritato benessere psico-fisico.

Non lontano dai clamori di Barcellona, si incontrano, infatti, vari pobles, che mettono in mostra bellissimi impianti termali in stile modernista, dov’è possibile godere dei benefici diretti delle acque sulfuree, le cui proprietà curative e rilassanti sono da queste parti note fin dall’epoca dei Romani. All’interno della provincia o sul mare, varie sono le possibilità per godersi un’esperienza unica ed esclusiva all’insegna del relax e soprattutto del benessere.

Lasciamo, allora, Barcellona e le sue vibrazioni metropolitane, e spingiamoci un po’ fuori, ma nemmeno troppo, per andare a conoscere le attrazioni della provincia, alla scoperta di un territorio vario e poliedrico che sa offrire alternative di spessore in qualsiasi direzione ci si spinga. Mettiamoci in cammino, quindi, ci aspetta un viaggio bellissimo.

1. Arenys de Mar

Partiamo da Arenys de Mar, suggestivo borgo di mare situato lungo il litorale del Maresme, ai piedi del Parco Naturale del Montnegre i el Corredor, distante appena 40 km da Barcellona, a cui è collegata dalla strada Nazionale N-2, dall’autostrada C-32 e da un’efficiente linea ferroviaria; mentre solo 40 km la separano dall’aeroporto di Girona e 56 km da quello di Barcellona.

Arenys de Mar vive di turismo balneare ma non solo, se è vero che le sue terme sono note in tutta la Catalunya. A 50 metri dalla spiaggia, leggermente rialzata sul livello del mare, si trova, infatti, le storiche Terme Titus, considerato a tutti gli effetti una delle principali attrazioni di questa cittadina, molto apprezzato per le sue acque ricche di cloruro di sodio, particolarmente indicate per chi soffre di reumatismi e patologie osteoarticolari.

Oltre al risvolto terapeutico, però, c’è anche un non trascurabile aspetto estetico quale valore aggiunto che contribuisce ad ampliare la fama di queste terme, giacché la piscina termale esterna si affaccia sul bellissimo litorale del Maresme, offrendo un suggestivo colpo d’occhio su questo angolo esclusivo di Mediterraneo.

Nano Cañas © ACT

2. Caldes d’Estrac

Proseguendo il nostro viaggio nel benessere, pochi chilometri più a sud, praticamente attaccato ad Arenys de Mar, si trova Caldes d’Estrac, noto anche con il nome di Caldetes, minuscolo borgo di circa tremila abitanti, che visse la sua prima età dell’oro tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, quando fu prescelto come centro di villeggiatura estiva dalla borghesia catalana.
La sua notorietà, però, è certamente legata alle sorgenti di acqua sulfurea, la cui efficacia ne ha fatto nel tempo un vero e proprio tempio termale. Conosciute ad ampio raggio, le sue sorgenti si riscaldano e mineralizzano a ben 3000 metri di profondità, acquisendo nella risalita verso la superficie, proprietà terapeutiche uniche, ideali secondo i medici per rigenerare i tessuti della pelle, consolidare il sistema immunologico e contribuire a rafforzare il benessere generale.

Nano Cañas © ACT

3. Calde de Montbui

Da Caldes d’Estrac ci spostiamo poi a Caldes de Montbui, sono circa 50 km di strada verso l’interno, ma un salto da queste parti ne vale assolutamente la pena ed è giustificato dalla Storia.

La tradizione termale di Caldes de Montbui, infatti, risale, all’epoca romana, quando furono realizzate le prime terme, e la cosa più interessante è che alcune di queste vestigia si sono conservate nel tempo, così che nel prestigioso Hotel-Terme Broquetas è ancora presente una sauna romana originale, risalente al II secolo d.C.

Per tutti gli amanti dell’Architettura, inoltre, è impossibile non fare una visita alle Hotel-Terme Victòria, autentico splendore, la cui galleria interna vanta una volta originale risalente al XVII secolo. Spaziando tra gli incanti di Caldes de Montbui, ci si imbatte poi nelle Terme Vila de Caldes e nella sua facciata in stile modernista che possono vantare un’ampia lista di curiosi illustri, tra tutti Paolo Picasso e Joan Miró. Infine, meritano una menzione doverosa i Bagni Termali El Safareig, dove è possibile immergersi nello stesso luogo in cui le donne lavavano i panni agli inizi del XX secolo. Tra l’altro, si tratta di uno spazio pubblico, e il costo d’entrata è più basso rispetto alle terme private.

Nano Cañas © ACT

4. La Garriga

Dopo Caldes de Montbui, gli spunti non sono ancora finiti, così che il viaggio può proseguire fino a La Garriga, ipotetico vertice di un triangolo scaleno con Barcellona e Lloret de Mar, centro termale rinomato, anch’esso, sin dai tempi dei romani. Tra le varie proposte, l’esclusivo Centro Termale dell’Hotel Blancafort recupera la tradizione offrendo trattamenti rilassanti e terapeutici particolarmente adatti per sciogliere contratture, favorire il processo di recupero di fratture e risolvere patologie e irritazioni della pelle. Neanche a dirlo, un luogo accogliente e rilassante, allo stesso modo delle Terme La Garriga, che si trovano a loro volta in un edificio in stile modernista completamente restaurato di gran impatto visivo.

È questo il regno della pace, della tranquillità e del benessere, a cui si aggiungono i sollievi olfattivi prodotti dall’aroma dei fiori e delle acque sulfuree. Il giusto coronamento di un week-end perfetto!

Nano Cañas © ACT

5. Caldes de Malavella

Chiudiamo con una digressione geografica che ci allontana dalla provincia di Barcellona per condurci verso la Costa Brava, in una zona ricca di contrasti e tradizioni, dove si trova Caldes de Malavella. Si tratta di un piccolo borgo situato in una posizione strategica che sin dal Neolitico le ha conferito quel tono di terra di passaggio.

Ebbene, proprio sulle orme di antiche popolazioni e sulla scia di sentieri naturalistici molto suggestivi, si sviluppa la fama di Caldes de Malavella, che nel suo nucleo urbano ospita acque termali dai rinomati poteri curativi, ricche di fosforo e sali minerali, utilizzate sin dai tempi antichi, in primis dai romani. Un patrimonio di fondamentale importanza, quello delle sorgenti termali, che dalla fine del XIX secolo, con la realizzazione delle due terme cittadine di Vichy Catalan e del Prats, le conferì fama di importante stazione termale, una fama che ancora corre di voce in voce, valicando tempi e territori.

Nano Cañas © ACT
Vitamina Project

Vitamina Project è un progetto che parla di Turismo Sostenibile e Slow Travel, si rivolge al viaggiatore indipendente e a chiunque ami fare viaggi esperienziali alla scoperta di popoli e culture vicine e lontane. Vitamina Project è anche la storia di Rocco e Giulia, un archeologo e una fotografa, professionisti del viaggio e amanti dell’avventura.

@vitaminaproject