• Vic

    Una città dalla storia antichissima nell’entroterra catalano

La Catalunya è punteggiata di piccole città ricche di storia e fascino. Una di queste è Vic, nel Paisatges de Barcelona. Situata nell’entroterra a soli 70 chilometri dalla capitale catalana e immersa in un magnifico contesto naturale, Vic è un borgo tranquillo e confortevole che conserva ancora uno splendido patrimonio storico e artistico. Se stai cercando una città per una gita fuori porta capace di trasportarti indietro nel tempo e farti conoscere il volto meno noto della Catalunya, Vic è il luogo che fa per te!

La sua storia è antica di millenni: Vic è stata città romana con il nome di Auso e un importante centro medievale, sede universitaria e vescovile. L’intera pianta del centro storico risale proprio a questa epoca. Del resto, a Vic puoi respirare l’antichità e il Medioevo in ogni angolo: ti basterà passeggiare lungo le sue graziose vie per imbatterti in edifici e architetture del passato, amalgamate in modo molto gradevole con costruzioni successive di epoca barocca o in stile modernista.

Plaça Major, il cuore dell’antica città di Vic

Per conoscere Vic puoi partire da Plaça Major, la piazza principale della città. Lasciati incantare dagli edifici porticati che qui si affacciano e dal loro mix armonico di stili, tra i quali noterai anche forme di gusto arabo. La piazza non è mai stata pavimentata e questo concorre a darle quel tocco di fascino in più capace di trasportarti in un’altra epoca. Non a caso è ritenuta una delle piazze più belle di tutta la Catalunya! Tutt’oggi è il cuore delle feste e degli eventi della città, come il mercato che si tiene due volte a settimana. Se ti trovi a Vic il giovedì o il sabato avrai l’opportunità di fare un giro tra i suoi banchi e, magari, fare qualche acquisto.

La vocazione commerciale di Vic, infatti, non è un segreto. La città ti invita a scoprire questo suo lato non solo in Plaça Major, ma anche nel quartiere storico Les Adoberies e nei moderni assi commerciali Vic Centre e Vic Sud. Cosa non deve mancare nella tua borsa dello shopping? Sicuramente qualche leccornia, dato che Vic ha una gastronomia molto interessante! Tra i prodotti tipici che puoi acquistare – o degustare nelle numerose botteghe del centro – spiccano il salame DOP di Vic, il dolce pa de pessic, il tartufo nero e la patata del bufet.

Tra musei e monumenti, la città racconta la sua storia

A nord di Plaça Major trovi il particolare Museu de l’Art de la Pell, dedicato al mondo dei pellami e alle tecniche di lavorazione della pelle. I pezzi esposti sono molto eterogenei: troverai bauli, paraventi, sedie, selle, maschere, figure per il teatro delle ombre e altri curiosi manufatti. Ti colpirà la grande ricchezza artistica di questi oggetti: alcuni vengono da luoghi lontani, come l’Africa e la Cina, e testimoniano una grande creatività nell’uso della pelle. La tecnica che più di tutte ti lascerà a bocca aperta? Il guadamassil, ovvero la pelle di agnello dorata e policroma usata per creare sontuosi rivestimenti per pareti, altari e paraventi.

Per continuare l’itinerario culturale alla scoperta del passato della città, a sud di Plaça Major trovi la Cattedrale di Sant Pere Apòstol. Il suo campanile dell’XI secolo è uno dei simboli di Vic ed è il più alto di tutta la Catalunya. Prenota una visita e sali fino in cima per goderti il panorama sulla città, dopodiché dedica un po’ di tempo al chiostro trecentesco e all’interno della chiesa. Essendo stata ampliata e modificata nei secoli, vedrai anche qui una grande varietà di stili fianco a fianco, come la cappella barocca dedicata a San Bernat Calbó e le decorazioni murali novecentesche di Josep M. Sert.

Essendo tuttora sede del vescovo, Vic ha sia un palazzo vescovile sia un importante Museo Episcopale. Entrambi si trovano nei pressi della cattedrale. Il museo è stato dichiarato di interesse nazionale e ospita una nutrita collezione di arte medievale in una sede moderna, rinnovata nel 2002. Se il Medioevo ti appassiona, non puoi perderti la visita: scoprirai un importante pezzo di storia catalana attraverso le collezioni di argenteria, tessuti, ferro battuto, vetro e ceramica custodite nel museo.

A soli due minuti a piedi dal Museo Episcopale di Vic trovi il Tempio Romano. Per molti secoli è rimasto inglobato nel castello medievale di Montcada, di cui rimangono le vestigia, e oggi fa bella mostra di sé in tutto il suo antico splendore. Poco lontano, restano ancora alcuni tratti delle mura trecentesche volute dal re Pere III. Di queste, puoi vedere il Portal de Queralt, collegato al ponte omonimo sul fiume Mèder, e El Portalet, la porta più piccola sormontata da una torre. Lo sapevi che a ridosso delle antiche mura di Vic si trovava anche il quartiere ebraico? Puoi ripercorrerne le tracce camminando tra Plaça de Malla e Carrer d’en Guiu.

Occasioni per visitare la città tutto l’anno

Se la tua permanenza a Vic dura qualche giorno, fai in modo che coincida con uno dei numerosi eventi che animano la città durante l’anno: la scelta non manca! Rendi più vivace il tuo viaggio primaverile con il Jazz Festival e la Mostra dei Formaggi Catalani, entrambi a maggio. Per l’estate, segna in agenda la Festa Patronale di Sant Miquel dels Sants che cade a luglio, mentre in autunno non perderti l’Observatorium Gastronomico tra settembre e ottobre, e la Fiera della Montagna in novembre. E se vuoi rivivere tutta la magia del passato non perdere il Mercato Medievale di dicembre: è uno dei più importanti della Catalunya! Per un intero fine-settimana il centro di Vic si trasforma in un villaggio del Medioevo e si anima di danze, spettacoli per tutta la famiglia, esibizioni di rapaci, figuranti, artigiani e punti ristoro con gustosi prodotti del territorio.

Per finire, lasciati conquistare dai dintorni di Vic, un punto di partenza perfetto per esplorare il magnifico paesaggio dell’entroterra catalano. I modi per conoscere la natura ricca di contrasti che circonda la città sono molti: a piedi, in bicicletta o addirittura in mongolfiera! Vic è incastonata fra tre spazi naturali di grande valore: Guilleries-Savassona, il Parco del Castello di Montesquiu e il Parco Naturale di Montseny. Quest’ultimo è uno dei più importanti della Catalunya, è una Riserva della Biosfera ed è accreditato con la Carta Europea del Turismo Sostenibile. Le sue foreste frondose sono lo scenario di varie leggende catalane e pare che ospitino abitanti misteriosi… chissà, magari esplorando i suoi sentieri farai conoscenza anche tu con le mitiche donne d’acqua e con le streghe di Vildrau!

Ente del Turismo della Catalunya
@catalunyaexperience

Tossa de Mar panorama
Punta Po-roig a Salou panorama
Calella de Palafrugell veduta
Palau de la Música Catalana, la Sala Concerti
X