• Vacanze sicure in Catalunya

Salute dei viaggiatori e aggiornamenti sul COVID-19

Ecco tutto ciò che devi sapere per viaggiare in sicurezza in Catalunya.

Vi consigliamo di pianificare in anticipo il vostro viaggio in Catalogna e di rimanere aggiornati sulle linee guida del governo catalano per viaggiare in sicurezza.

PRIMA DI VIAGGIARE IN CATALOGNA
L’ingresso è consentito a tutti i viaggiatori provenienti dall’Unione Europea (UE) e dai paesi associati all’area Schengen (Islanda, Svizzera, Norvegia, Liechtenstein e Regno Unito) nonché da Andorra, Vaticano, Monaco, San Marino.

Inoltre, l’ingresso è consentito anche a tutti i viaggiatori provenienti dai seguenti paesi, regioni, aree amministrative e altro:
Albania, Australia, Israele, Giappone, Libano, Nuova Zelanda, Macedonia, Serbia, Singapore, Corea del Sud, USA, Cina, Hong Kong, Macao e Taiwan.

Inoltre, le restrizioni e i requisiti di ingresso cambiano a seconda del paese di origine e della situazione epidemiologica in ciascun territorio. Puoi verificare i requisiti per paese di origine nel seguente link:

Requisiti di viaggio per paese di origine (https://travelsafe.spain.info/es/)

COME RAGGIUNGERE LA CATALOGNA
È possibile arrivare in Catalogna in aereo raggiungendo gli aeroporti Josep Tarradelles Barcelona – El Prat, Girona-Costa Brava e Reus, e anche in treno e su strada.

Puoi trovare maggiori informazioni sugli aeroporti catalani sul sito di AENA.

Poiché la situazione epidemica migliora e le restrizioni diventano più flessibili, i ferry e le crociere sono ora consentite nei porti catalani. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito del Port de Barcelona.

Controlli e misure all’arrivo
Tutti i passeggeri provenienti dall’estero che arrivano in aereo o via mare devono compilare elettronicamente un modulo di sanità pubblica prima di iniziare il viaggio. È disponibile sul sito www.spth.gob.es o tramite l’applicazione SPAIN TRAVEL HEALTH-SpTH (Android e Apple). Una volta compilato, si otterrà un codice QR che deve essere presentato all’arrivo. I viaggiatori che arrivano via mare devono compilare il modulo EU Digital Passenger Locator Form (dPLF) disponibile qui. (https://www.healthygateways.eu/)

Tutte le società o gli agenti che vendono biglietti devono informare i passeggeri all’inizio del processo di vendita dell’obbligo di presentare il modulo di sanità pubblica presso l’aeroporto o il porto di destinazione.

2. È inoltre obbligatorio presentare un test PCR o TMA per SARS-CoV-2 con esito negativo (in inglese, francese, tedesco o spagnolo) effettuato entro 48 ore prima dell’inizio del viaggio.

3. I passeggeri che arrivano in aereo o via mare devono superare dei controlli, che includono un controllo documentale, un controllo visivo delle condizioni del passeggero e un controllo della temperatura che verrà eseguito di routine su tutti i passeggeri per identificare quelli con una temperatura di 37,5 °C o superiore.

4. I passeggeri sospettati di soffrire di COVID-19 o di altre patologie trasmissibili sulla base dei controlli o del modulo di sanità pubblica saranno soggetti a una nuova valutazione sanitaria per determinare se comportano un rischio per la salute pubblica. Se confermato, verranno attivati i protocolli di allarme sanitario e saranno indirizzati a un centro sanitario.

COME SPOSTARSI IN CATALOGNA
Al momento non ci sono restrizioni che limitino la mobilità all’interno del territorio catalano, né misure che ne vietino l’uscita o l’ingresso.

Tuttavia, nei comuni con più di 5.000 abitanti e con più di 400 casi di Covid-19 ogni 100.000 abitanti, è in vigore il coprifuoco dall’1 alle 6 del mattino.

Rete ferroviaria
La rete ferroviaria funziona normalmente.

Taxi
Funzionano normalmente sebbene possano esserci delle restrizioni al di fuori delle grandi città. Per maggiori informazioni sullo stato della rete taxi a Barcellona e dintorni è possibile consultare questo sito.

Trasporto pubblico a Barcellona
Il trasporto pubblico a Barcellona funziona normalmente.

Autobus
Funzionano normalmente, sebbene possano esserci delle modifiche negli orari e misure restrittive in alcune tratte.

Indicazioni e raccomandazioni sanitarie
-Uso obbligatorio della mascherina.
-Evitare di utilizzare i mezzi pubblici in caso di non sentirsi bene.
-Evitare le ore di punta quando possibile.
-Lavarsi le mani con sapone o gel idroalcolico subito dopo l’uso dei mezzi di trasporto pubblico.
-Mantenere la distanza di sicurezza ed evitare di sedersi nei sedili che guardano verso altri utenti.
-Fare una fila ordinata e retta alle fermate rispettando le distanze. Se il mezzo raggiunge la massima occupazione consentita, attendere il successivo.
-I conducenti degli autobus non vendono i biglietti. Si dovranno acquistare in anticipo.

MISURE RESTRITTIVE IN CATALOGNA
Le restrizioni legate al controllo permanente della situazione epidemiologica in Catalogna sono in costante revisione. Le misure vengono riviste al fine di ridurle, mantenerle o aumentarle a seconda dell’evoluzione della pandemia.

Alloggio
È consentita l’apertura di tutte le strutture ricettive e il Governo della Catalogna insieme all’Instituto Spagnolo per la Qualità del Turismo ha messo a disposizione i rispettivi protocolli per garantire la sicurezza e le misure sanitarie pertinenti.

Ristoranti e bar
Bar e ristoranti possono aprire dalle 06.00 fino alle 00.30. Al di fuori di questi orari non sarà consentito trovarsi all’interno dei locali.

Bar e ristoranti possono avere un massimo di 6 persone per tavolo all’interno e 10 persone all’aperto, ad eccezione dei casi in cui tutti nel gruppo fanno parte della stessa bolla. Inoltre, devono esserci almeno 2 metri tra i tavoli.

La capienza consentita è del 50% negli spazi interni e del 100% nelle terrazze, mantenendo le opportune distanze tra i tavoli.

Esercizi commerciali
È consentita l’apertura dei negozi con una capienza massima del 70% fino alle ore 22.00, e fino alle 01.00 nel caso delle attività essenziali. I centri commerciali e i negozi devono disporre di sistemi per controllare l’accesso e il numero di acquirenti al fine di evitare il sovraffollamento.

Musei, monumenti, altri spazi culturali ed eventi
Tutte le attività culturali (musei, gallerie d’arte, cinema, teatri e altro) possono svolgersi dalle 6:00 alle 00:30. La partecipazione è limitata al 70% con un massimo di 1.000 persone per sala o spettacolo. Le mascherine sono obbligatorie durante queste attività culturali.

Nelle attività che si svolgono all’aperto la capienza massima è limitata al 70% di 3.000 persone o 3.000 persone o la capienza degli spazi con non più di 3.000 persone, ed è richiesta la previa registrazione e assegnazione dei posti.

Congressi, convegni e fiere
Congressi e convegni possono svolgersi con una capienza massima del 70%, e con non più di 1.000 persone all’interno e 3.000 persone all’aperto.

Parchi tematici, casinò e altre attività per il tempo libero
I parchi tematici e di divertimento possono aprire con una capienza massima del 50%. Tali locali possono aprire le proprie aree ristoro nel rispetto delle limitazioni vigenti.
Casinò e sale da gioco possono aprire con una capienza massima del 70% e con non più di 500 persone all’interno o 1.000 persone se possono garantire una buona ventilazione.

Nightlife
Tutti i locali notturni sono chiusi, unica eccezione per quelli con dehor. Chi dispone di spazi esterni può offrire servizi di bar e ristorazione, nel rispetto delle misure in vigore. Non è consentito ballare.

Misure in relazione a distanze di sicurezza, mascherine, riunioni o consumo di tabacco
Restano in vigore per tutta la popolazione le restrizioni elencate qui di seguito a scopo di prevenzione e a favore del bene comune. Queste misure sono obbligatorie anche per le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Distanza di sicurezza
È obbligatorio mantenere una distanza di sicurezza tra persone di 1,5 m e uno spazio di sicurezza di 2,5 m2 a persona. Non sono consentite le distanze inferiori a 1m al chiuso, tranne tra persone che viaggiano in gruppo o che mantengono contatti stretti su base regolare.

Mascherina
L’uso delle mascherine è obbligatorio solo per chi ha più di 6 anni quando si è al chiuso. Quando all’aperto e negli spazi pubblici, le mascherine non sono più necessarie. Non saranno obbligate a usarla le persone con qualsiasi tipo di malattia o difficoltà respiratoria che può essere aggravata dall’uso della mascherina. Sono consentite eccezioni anche quando si pratica sport, si mangia o si beve, e quando si è circondati dai propri gruppi di convivenza.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web ufficiale del Departament de Salut (Dipartimento della Salute) della Generalitat de Catalunya.

Riunioni e incontri
Sono consentiti incontri e assembramenti purché non coinvolgano folla o superino la capienza massima consentita dello spazio. Inoltre, la dimensione massima del gruppo è di 10 persone per incontri sociali a meno che non vivano insieme. Si raccomanda di evitare gli spazi interni e di rimanere con il gruppo di persone con cui si vive.

Consumo di tabacco e simili
Non è consentito fumare nella via pubblica o all’aperto quando non è possibile rispettare una distanza minima di 2 metri tra le persone.

Capienza nei luoghi pubblici, edifici e spazi chiusi:
Si richiede di mantenere lo spazio personale di 2,5 m2 sempre con posti preassegnati.

Ulteriori informazioni sulle misure a questo link.

Aggiornato in data 20/07/2021

X