• Tossa de Mar

    Centro storico fortificato, calette suggestive e cammini di ronda spettacolari

Uno dei gioielli della Costa Brava è Tossa de Mar. Situata a pochi chilometri dalla spumeggiante Lloret de Mar, è un borgo arroccato sul promontorio di Cap de Tossa, a strapiombo sul mare, ed è circondato da mura possenti e calette che si affacciano su un’acqua strepitosa. Per merito della sua atmosfera così magica, il pittore Marc Chagall ha definito Tossa de Mar “il paradiso blu”: se stai scoprendo le bellezze di questo luogo, non potrai che dargli ragione! Qui ogni strada ti parla della storia antichissima della città: la Turissa romana, la Torsa medievale e la Tossa di oggi, che ha mantenuto intatto tutto il suo fascino in un mix di natura selvaggia, acque cristalline e cultura millenaria.

Il centro storico di Tossa de Mar

Immergiti nello spirito inconfondibile di Tossa de Mar partendo dal suo centro storico, la città vecchia. Racchiusa all’interno delle sue possenti mura, la Villa Vella è un dedalo di vie acciottolate e vicoli intricati che seguono i saliscendi del promontorio. Passeggia lungo le sue stradine senza seguire una meta precisa e goditi ogni angolo: quando meno te lo aspetti, davanti a te si aprono splendide viste a sorpresa sul mare e scorci da cartolina! Sia in estate sia in inverno, le strade suggestive di Tossa de Mar si animano di danze e balli, tra cui le tradizionali sardane, in occasione di ben due feste patronali: quella estiva dedicata a Sant Pere e quella invernale dedicata a Sant Vicenç.

Proprio a Sant Vicenç è dedicata la chiesa che trovi nella parte più alta del borgo fortificato, ricostruita in forme gotiche su una precedente struttura romanica. A pochi passi, invece, incontri il museo cittadino ospitato nella trecentesca Casa Falguera. Qui puoi ammirare reperti archeologici del territorio e opere del ‘900 tra cui Il Violinista Celeste di Marc Chagall, artista che trascorse molto tempo a Tossa de Mar e che restò sempre legato a questa splendida cittadina. Dopodiché, sali fino ai resti dell’antico castello medievale che dominava il promontorio: oggi, al suo posto, sorge un faro ancora operativo.

Le mura sono senza dubbio la parte più scenografica della città. Costruite tra XII e XIII secolo, sono state rafforzate nel tempo per difendere l’abitato dagli attacchi dei pirati. Lo sapevi che Tossa de Mar è l’unico esempio di borgo fortificato risalente al Medioevo presente sul litorale catalano? E se già nell’entroterra la maestosità di certe cinte murarie esalta la bellezza di alcuni abitati come Montblanc, a Tossa de Mar le mura lambiscono praticamente l’acqua del mare. Il loro svettare sulle principali spiagge urbane rende il profilo della città ancora più suggestivo e riconoscibile al primo colpo! A parte il castello, l’intera fortificazione si è conservata molto bene e puoi vederla in tutto il suo perimetro originale. Tra le torri cilindriche principali spiccano la Torre de les Hores, la Torre di Joanàs e la Torre di Codolar.

Architettura e spiagge urbane

La Torre de les Hores, situata all’ingresso della città, si chiama così perché un tempo era l’unica dotata di un orologio per scandire le ore della giornata. La Torre di Joanàs, invece, assieme a un tratto della cinta muraria domina con la sua silhouette la Platja Gran, la principale spiaggia di Tossa de Mar. Già solo il panorama rende questa spiaggia molto rinomata. Insignita con la Bandiera Blu, la Platja Gran ti aspetta con la sua tipica forma a mezzaluna e i suoi 400 metri di sabbia grossa che offrono spazio ai bagnanti, ad alcuni servizi e a piccole barche varate a riva. Da qui, il tratto di lungomare che scorre parallelo alla spiaggia ti permette di raggiungere in pochi passi la città vecchia. Infine, la Torre di Codolar si affaccia sul lato opposto del promontorio svettando sulla piccola Cala Codolar, una magica insenatura di soli 25 metri con un’acqua davvero da favola.

All’estremo opposto della Platja Gran rispetto al promontorio su cui è arroccata la città vecchia, trovi la Platja de la Mar Menuda. A soli pochi minuti a piedi dal centro urbano, questa spiaggia di 150 metri è l’ideale per una giornata di relax in famiglia. Una parte di spiaggia è protetta da un’insenatura rocciosa ed è conosciuta col nome di “sa banyera de ses dones”, cioè “la vasca da bagno delle donne”. È proprio questo il punto più adatto per fare sguazzare i più piccoli, grazie al fondale basso e alle acque tranquille che lo caratterizzano. E se ami le immersioni, sappi che la Platja de la Mar Menuda è il luogo giusto per te: il fondale è meraviglioso e si presta benissimo allo snorkeling e all’attività subacquea.

Dopo aver scoperto le magiche spiagge urbane di Tossa de Mar, puoi continuare il tuo giro in città per apprezzare il suo volto meno noto. Nella parte bassa dell’abitato, fermati in Plaça d’Espanya e ammira la facciata modernista di Casa Sans. Progettata a inizio ‘900 da Antoni de Falguera, discepolo di Gaudí, fu finanziata dal mercante Joan Sans che trovò fortuna in Colombia commerciando sughero. Proprio come Lloret de Mar, Palafrugell e Sitges, Tossa de Mar fa parte della Rete delle città Indiane, un insieme di località costiere catalane in cui spiccano edifici commissionati da facoltosi commercianti del luogo emigrati nelle Americhe nel corso dell’800.

A poche centinaia di metri dalle mura, presso il Torrent des Moros, si trova invece la villa romana di Els Ametllers, testimonianza dell’antica Turissa e una delle ville più importanti della provincia romana di Tarraco, l’odierna Tarragona. Scoperta nel 1914, era in origine un’azienda agricola con un’ala adibita a sontuosa residenza. Dedica un po’ di tempo alla scoperta di questi scavi importantissimi. Visita i resti della zona agricola, dove si trovavano i magazzini per la lavorazione di prodotti quali vino, olio, pesci essiccati e cereali, e lasciati sedurre dall’opulenza della zona residenziale. Situata nella parte alta del complesso, con una vista niente male sul Mediterraneo, comprendeva un magnifico complesso termale, una particolare sala da pranzo invernale, una lussuosa piscina, ed era decorata da numerosi mosaici e stucchi.

Passeggiate nei dintorni di Tossa de Mar

Se nella tua vacanza vuoi unire al mare e alla cultura anche un pizzico di trekking, sappi che Tossa de Mar ti offre diversi spunti. Nonostante le numerose calette sabbiose, qui la costa è a tratti aspra e rocciosa, ragion per cui i suoi “cammini di ronda” sono adatti soprattutto a escursionisti allenati. Andando verso est, puoi cimentarti nei 3 chilometri che separano Tossa de Mar da Cala Pola. Pur essendo un tratto breve ti farà sudare con le sue improvvise salite e forse ti provocherà qualche batticuore con sentieri che costeggiano ripide scarpate! Tuttavia, sappi che la ricompensa è grande: lungo il percorso ti aspettano viste panoramiche spettacolari sulle scogliere, la frescura dei boschi di pini affacciati sul mare e piccole insenature da urlo. Tra queste, Cala Bona e Cala Pola sono piccoli gioielli che ti faranno sognare con la loro acqua turchese e con le loro grotte nascoste, accessibili solo via mare.

Se invece vuoi percorrere il litorale in direzione ovest, puoi scegliere di coprire a piedi i 12 chilometri che separano Tossa de Mar da Lloret de Mar. Il percorso segue le scogliere ed è un vero ottovolante! Ma anche in questo caso, la fatica è ripagata da numerosi angoli tanto magici quanto selvaggi in cui puoi fare sosta e rigenerarti con un bel bagno. Cala Porto Pi, Cala Figuera, Cala d’Allà on Raja l’Aigua sono solo alcune delle tappe su questo tortuoso cammino di ronda che ti lasceranno a bocca aperta! Tra scorci mozzafiato dentro e fuori la città, un complesso fortificato senza eguali, un mare cristallino e una storia antichissima che si respira in ogni angolo, Tossa de Mar è una meta magica che riunisce in un solo luogo tutta la bellezza della Catalunya.

Tossa de Mar panorama
Punta Po-roig a Salou panorama
Calella de Palafrugell veduta
Palau de la Música Catalana, la Sala Concerti
X