Terres de l’Ebre
Horta de Sant Joan

In Catalunya Pablo Picasso ha vissuto e qui ha visto fiorire la propria arte. Nello specifico, il pittore soggiornò in un piccolo villaggio di montagna a un centinaio di chilometri da Tarragona, Horta de Sant Joan.

Chiesa di Sant Joan

Pablo Picasso si recò a Horta de San Joan per la prima volta nel 1898, convalescente a casa dell’amico Manuel Pillarés, per poi ritornarci nel 1909 in compagnia dell’amante Fernande Olivier. Del primo soggiorno ci restano oggi opere dallo stile tradizionale, tipiche della cultura del tempo e non ancora segnate dall’impeto che sarà proprio del pittore maturo, allora solo sedicenne.

Al secondo periodo a Horta de Sant Joan risalgono invece le prime sperimentazioni sul cubismo, oggi disseminate ai quattro angoli della terra. A rapirci è la rappresentazione dell’amore che Picasso nutriva per la Catalunya e per Fernande: due passioni travolgenti che fissate su tela ci mostrano la parabola artistica di uno dei geni del Novecento.

Il legame di Picasso con questa terra rivive nei quadri esposti al Centre Picasso di Horta de Sant Joan. Qui oltre 200 opere ti accompagneranno alla scoperta del periodo catalano dell’artista e del fervore creativo che ne caratterizzò la giovinezza.

Navata della Chiesa di Sant Salvador

Passeggiando per le stradine di questo borgo potrai ripercorrere i passi del grande pittore e calarti in un luogo segnato dal passaggio di romani, musulmani e templari. Un intreccio di arte e storia che conferisce a Horta de Sant Joan un’aura di mistero a cavallo tra mito e leggenda.

Se sei alla ricerca di un turismo slow a misura d’uomo, questo è il posto che fa per te. In bicicletta per l’antico borgo o a piedi tra gli ulivi, a incantarti sarà una bellezza d’altri tempi resa ancor più intrigante dai piatti tipici della cucina locale.

Volta le spalle alla frenesia cittadina e ritrova il tuo posto nel mondo: ad attenderti un angolo di Catalunya sospeso tra arte e natura.