Destinazioni

Costa BravaGirona


CONDIVIDI

Una città sospesa tra il mare e la montagna, protetta dai Pirenei che dominano e sovrastano il territorio, difendendola dai venti del Nord. Girona nasce in un posto strategico: le acque cristalline dell'Onyar, del Güell, del Galligants e del Ter confluiscono insieme qui, per poi sfociare nel blu del Mare Mediterraneo.

Oggi città di incontro, ieri scontro di popoli, religioni e culture che, nel corso dei secoli, ha lasciato dietro di sé una intensa storia da raccontare. Camminando per le strade del centro storico ti accorgerai di quante impronte del passato, riaffiorino oggi nel presente.

Una città multiculturale

Abitata da iberi, romani e arabi, Girona è una città multiculturale che vanta vestigi antichissimi. Di testimonianza greca è il Museo di Sant Pere de Galligants, ma fu anche una grande colonia romana e poi importante città ebraica: ancora oggi troverai tracce indissolubili di una della comunità ebraiche più importanti di tutto l'occidente nel quartiere El Call.

Nel cuore della città, nel quartiere Mercadal, la Plaça de la Independència è uno dei luoghi più frequentati della città. Nel mezzo della piazza sorgono due statue a rappresentazione simbolica dei difensori della città di Girona durante gli assedi di Napoleone del 1808 e nel secondo tentativo del 1809.

Se sei un amante degli itinerari a piedi, qui troverai parte della celebre ed antichissima Via Augusta, che da Roma portava in Spagna, e percorrendo i sampietrini di Carrer de la Força potrai immaginare di essere uno di quei mercanti che dal X secolo fino al XV percorsero con le loro merci preziose questo cammino. Una volta arrivati invece a Plaça del Vi, potrai chiudere gli occhi e rivivere in quello che in passato era il cuore pulsante della città, in cui i vignaioli scambiavano il proprio vino con altre merci e stoffe preziose.

Storia e Arte

Girona è una città storica ma anche ricca di arte, poiché gli edifici più caratteristici della città sono del maestro Rafael Masó, che fondò la corrente artistica del Noucentisme, nato come contrapposizione al già noto Modernismo.

Di bellezza artistica indiscutibile sono anche le casette colorate che troverai passeggiando lungo il fiume Onyar, che divide in due la città. Se vorrai visitare l'altra sponda, potrai attraversare sul Ponte de Les Peixateries Velles - il ponte dei vecchi pescivendoli -, costruito nel 1877 dalla società Gustave Eiffel, o sul Pont de Pedra, godendo di uno spettacolo unico in cui cielo e terra si uniscono all'orizzonte e le nuvole si specchiano lungo la distesa d'acqua che si apre di fronte ai tuoi occhi.