Destinazioni

CatalognaItinerari per il Trekking


CONDIVIDI

Il trekking è un'attività che in Catalogna ha una lunga tradizione e che permette di conoscere in modo semplice e piacevole la storia, le ricchezze naturali e culturali del territorio. Dai Pirenei al Mediterraneo, la ricchezza naturale e architettonica di questa terra è a portata di mano di tutti gli appassionati della camminata.

Il paesaggio della Catalogna cambia profondamente nel corso delle stagioni, e offre una grande varietà che va dalle cime più alte dei Pirenei alle cale più nascoste del Mediterraneo, passando per le pianure dell'entroterra o per i caratteristici scenari del delta dell'Ebre e delle Terres de Lleida.

Oltre 5.000 km di sentieri

La diversa tipologia di sentieri, di lunga percorrenza -Gran Recorregut GR-, breve percorrenza -Petit Recorregut PR- e sentieri locali -Senders Locals SL-, rende possibile a chiunque questo tipo di attività. Attualmente, la rete catalana conta più di 5.000 Km di sentieri di lunga percorrenza segnalati, e una vastissima scelta di sentieri locali di breve percorrenza, che la rendono una meta privilegiata per il trekking.

La maggior parte dei sentieri sono stati tracciati e segnalati nel corso dei secoli da pastori, militari e mercanti e negli ultimi decenni riscoperti in ottica turistica. Questi sentieri attraversano 12 parchi naturali e 144 spazi naturali protetti, con caratteristiche paesaggistiche e biologiche molto diverse nonché aree di enorme interesse artistico culturale.

Un altro itinerario che consente di conoscere da vicino la natura dei Pirenei occidentali è la Porta del Cel, che permette di salire fino alla Pica d'Estats, la vetta più alta della Catalogna.

Valle di Ribes e la Strada dei Tre Monti

Nella parte orientale dei Pirenei catalani e in prossimità della Costa Brava, è possibile effettuare vari tipi di escursioni in uno scenario naturale di incontaminata bellezza. È così possibile percorrere i Pirenei della regione di Girona o ammirare l'arte romanica nella valle di Ribes, alla scoperta di uno straordinario patrimonio architettonico e artistico.

Anche i rilievi dell'entroterra, meno noti, riservano belle sorprese, in particolare il massiccio del Montseny, la serra del Montsant e le montagne di Prades. Un itinerario chiamato Strada dei Tre Monti attraversa l'entroterra in prossimità della costa e collega tre parchi naturali in 106 chilometri, divisi in sei tappe.

I parchi naturali della Costa

Se preferisci passeggiare in riva al mare, visita i parchi naturali costieri, come quello di Cap de Creus. Invece gli antichi cammini di ronda intorno alle stazioni balneari, percorsi dalle guardie, seguono le irregolarità della costa e permettono di raggiungere calette isolate.

Nelle riserve ornitologiche delle paludi catalane -Parco Naturale del Delta dell'Ebre, dove ci sono ancora spiagge selvagge, e Parco Naturale dels Aiguamolls de l'Empordà- è possibile unire il piacere della passeggiata all'osservazione degli uccelli migratori. Il GR92 che parte da Portbou, proprio alla frontiera con la Francia, segue la costa mediterranea catalana fino al delta dell'Ebre.

Il Sud e il percorso di Santiago

Nell'estremità meridionale del paese, la strada Estels del Sud è un bellissimo circuito ai piedi della montagna che collega cinque rifugi del Parco Naturale di Els Ports. Sempre nel sud, il GR-175, la Strada dei Cistercensi, è un itinerario che collega i monasteri di Santes Creus, Vallbona e Poblet e permette di unire l'esperienza naturale a quella storico culturale.

Infine, avete l'opportunità di iniziare il percorso per Santiago in terra catalana. Sin dal Medioevo, il Cammino di Santiago conduce i pellegrini fino alla tomba dell'apostolo, a Santiago de Compostela, in Galizia. La parte del cammino che attraversa la Catalogna traccia una rete di itinerari con tappe particolarmente significative, come il monastero di Sant Pere de Rodes, quello di Montserrat e la Seu Vella di Lleida.