parallax background

I Festival della catalogna, ma anche Mercatini e Feste Tradizionali

Top 10 dei migliori bar e ristoranti di Barcellona
17/09/2018
Cap de Creus per tutta la famiglia. Vacanze in Catalogna
17/09/2018
CONDIVIDI

Quando arriva il momento di dover iniziare a pianificare il prossimo viaggio, immancabilmente iniziano le difficoltà: dove andare? Restare in Italia, andare all’estero? Ma dove? Quanti giorni?

Se si tratta di un solo weekend o di una settimana c’è una destinazione che non delude mai le aspettative e personalmente la ritengo una delle regioni più belle e coinvolgenti d’Europa: la Catalogna.

Che tu sia con amici, in coppia o con la famiglia, la possibilità di raggiungere una meta che possa soddisfare tutte le tue esigenze, nel giro di due ore di aereo è allettante: meno tempo per il trasporto e più tempo per potersi godere la permanenza. Inoltre, se hai al seguito dei bambini è un viaggio facile, veloce e non faticoso. Meglio di così credo che sia difficile trovare.

Personalmente siamo stati in Catalogna diverse volte, prima senza bambini, e in questi ultimi anni anche con Maya e Isabella che adorano il clima mite di questa regione e anche l’accoglienza della sua gente.

Ma perchè proprio la Catalogna?

Per la sua forte identità, perché è una regione con tradizione e folclore, perché il cibo è un’esperienza gastronomica interessante e gustosa, perché ha un mare stupendo con grandi spiagge libere organizzate per le famiglie, perché ogni angolo regala arte e perché qui la movida non finisce mai, né di giorno né di notte.

Staccati dal computer o dal cellulare e parti per questa sorprendente regione della Spagna, perché a meno di due ore di volo, c’è tutto questo e altro ancora.. Come se non bastasse ci sono molti eventi che vengono organizzati durante l’anno: puoi scoprire molto sulla natura e l’identità di un particolare luogo della regione trascorrendo del tempo tra la sua gente e cosa c’è di meglio se non farlo divertendosi con loro?

La Catalogna non è solo feste tradizionali, ma anche festival tra i più belli d’Europa e mercatini per potere comprare oggetti unici e insoliti.

Quando la festa impazza

Ti stai domandando quando è meglio andare in Catalogna per assistere a qualche festa tipica? La risposta è tutto l’anno e soprattutto nei mesi estivi! Che ne dici di fare un salto a Badalona? Si trova qualche chilometro fuori Barcellona ed è raggiungibile in treno o metropolitana. Sei pronto a immergerti nell’inferno? Il 10 maggio proprio qui c’è la Festa Major, dove El Demoni è la caratteristica più spettacolare dell’evento. Immagina un enorme demone di cartapesta che gira per la città e poi viene bruciato! Spettacolare!

Se vuoi scatenarti come un vero catalano, a Barcellona, così come in tutta la Catalogna, è imperdibile la festa di Sant Joan che, la notte tra il 23 e il 24 giugno, celebra il Santo e l’inizio dell’estate (che in realtà corrisponde al solstizio d’estate il 21 giugno – giorno più lungo dell’anno).

Tutto comincia la sera del 23 giugno con la chiamata del Canigó in Piazza Sant Jaume e l’accensione dei primi fuochi nei vari quartieri, per poi proseguire in spiaggia davanti ai falò accesi di cui potrete godere ancora di più dopo un bel bagno notturno e per gustare il piatto tipico di questa tradizione: la Coca di San Juan con frutta candita e per ammirare lo spettacolo dei fuochi e il sorgere del sole!

I più festaioli possono scatenarsi nei club e nelle discoteche che organizzano eventi particolari in una delle notti più animate di Barcellona!

Ti senti un po’ pirata dentro? Premià de Mar il 10 luglio è invasa dai pirati! Questa è una delle feste più emozionanti della Catalogna. È rappresentato lo sbarco dei pirati e la difesa da parte degli abitanti, tutto rigorosamente in costume. Tu da che parte stai?

Se invece hai in programma un viaggio a fine estate, Tarragona dal 15 al 24 settembre festeggia Santa Tecla, la corsa dei personaggi vestiti da diavoli con bastoni infuocati. La festa ha altri momenti molto spettacolari come i Castellers, colonne di uomini che arrivano anche a nove piani. La domanda che sorge spontanea è: come fanno?

Una stagione ricca di festival

Con la bella stagione la scelta dei festival in Catalogna è ampia e soddisfa le esigenze di molti. Come il Rock Festival di Barcellona, che si tiene nel mese di luglio. Questo evento è un’occasione unica per chi ama le sonorità rock a 360 gradi. I grandi nomi e le band leggendarie si affiancano a quelle minori: tutte con il desiderio di fare musica, divertire e divertirsi.

La location è Parc de Can Zam, facilmente raggiungibile con la metropolitana!

Rimanendo in tema musicale sempre a Barcellona, il Primavera sound è uno dei più gettonati in Europa e anche qui le grandi star della musica si alternano a nuove rivelazioni o gruppi emergenti. Un’esperienza tra il leggendario e il futuro della musica! Con l’abbonamento completo puoi partecipare a tutti gli eventi che si tengono nel weekend del festival.

Se invece cerchi una location di grande effetto, quello che fa per te è il festival del Castell de Peralada: la scenografia medievale del castello diventa, nelle serate di luglio ed agosto, un auditorium perfetto per i concerti di lirica e esibizioni artistiche, fra cui balletti, che il festival propone. Dedicato ad un pubblico sofisticato che ama rilassarsi.

Sei alla ricerca di qualcosa di differente? Andiamo al Festival dei fuochi d’artificio a Blanes, in Costa Brava. In realtà è un concorso di arti pirotecniche, quindi troverai una serie di sfidanti, che a colpi di luci e botti nel cielo, tenteranno di aggiudicarsi il titolo per la migliore performance.

La qualità è alta, visto che c’è in palio un premio molto ambito!

Alla scoperta dei mercatini della Catalogna

Iniziamo con il mercato dell’artigianato di Girona in Miquel Santaló che ha luogo ogni quarto venerdì del mese, solitamente il pomeriggio, ed è promosso dall’organizzazione Artesans de la Terra. I prodotti tipici di questa pittoresca cittadina catalana sono il cioccolato, la ceramica nera e la salsiccia: da assaggiare e comprare senza dubbio.

Non perdere anche il mercato medievale di Empúries, inserito in un vero e proprio festival con musica e spettacoli, il mercatino vende oggetti di grande interesse ma, a sorprenderti, sarà il fatto che lì tutto si possa pagare con le riproduzioni di monete antiche. Il secondo fine settimana di settembre potrai rivivere in prima persona il passato.

Se ti capita di trascorrere le tue vacanze nel pittoresco borgo di pescatori di Cambrils o anche solo andarci per una visita, potresti fare un salto al mercato e mescolarti alla gente del luogo ogni mercoledì, in Plaça del Centenari e ogni sabato, in Plaça d’Espanya.

Se invece vuoi approfondire la conoscenza dei prodotti tipici catalani relativi al vino e all’enogastronomia, a settembre devi recarti a Llinars del Vallèsalla Fira del Tast i de la Mostra Gastronòmica che ti permetterà di entrare in contatto con i produttori del luogo, conoscere ed assaggiare i loro prodotti. Tutta la cittadina è coinvolta nella manifestazione.

Tra feste religiose, tradizionali, mondane, gli eventi e i mercati, la Catalogna non si ferma mai.

Queste sono solo alcune proposte del vastissimo calendario annuale. Il divertimento, qualora tu andassi e volessi tornare e ancora tornare, è sempre assicurato e ogni volta vivrai un’esperienza unica e diversa. Ci stai ancora pensando? Lascia il tuo computer e cellulare e parti questa estate per un luogo speciale e unico a sole due ore di volo dall’Italia.

CONDIVIDI
Marco Allegri
Marco Allegri
Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com (versione inglese). 110 nazioni visitate in 5 continenti. Sempre in viaggio con Felicity e le sue due bambine per dimostrare che è possibile continuare a viaggiare anche con i più piccoli al seguito.