Conoscere una terra da un diverso punto di vista: questo è fare birdwatching in Catalunya! Sia che tu sia un appassionato di questa affascinante attività o che tu sia un amante della natura con la curiosità di conoscerne la sua spettacolare varietà, in Catalunya puoi soddisfare i tuoi desideri!

La Catalunya è infatti ricca di biodiversità che la rende una meta ideale per chi vuole vivere la natura in modo intenso e unico: solo in questo territorio si possono ammirare ben 232 specie di uccelli diverse, più di qualsiasi altra zona di pari dimensioni. Pensa che durante le ultime quattro maratone europee di birdwatching, sono state registrate in 24 ore ben 200 specie differenti!

La Catalunya, un paradiso di Biodiversità

Il motivo della straordinaria biodiversità della Catalunya va ricercato nella grande ricchezza di paesaggi naturali che la compone: estesa tra i Pirenei e il Mare Mediterraneo, questa è la regione spagnola più diversificata a livello geografico.

In un raggio di 200 km si trova un’ampia diversità di habitat, dalle aree umide costiere alle foreste di conifere dei Pirenei, dalle steppe interne al Paese fino a alla macchia mediterranea costiera: tanti differenti ambienti naturali che ospitano tantissimi uccelli diversi che raggiungono i territori catalani per trascorrere l’inverno a temperature più miti.

Oltre a questo, devi sapere che la Catalunya si trova su una delle più importanti rotte migratorie europee e sia la primavera che l’autunno vedono il passaggio di molti eccezionali uccelli. Ecco perché questa terra si sta affermando sempre di più come punto di riferimento importante per gli appassionati di birding di tutto il mondo, che qui possono avvistare il gabbiano corso (in Catalunya vive infatti la colonia più importante del mondo), il gipeto, la gallina prataiola, l’aquila fasciata, l’averla minore e la montifringilla, solo per citarne alcuni.

José Luis Rodríguez © ACT

Dove fare Birdwatching in Catalunya

Armati di cannocchiale, macchina fotografica e pazienza per andare a conoscere da vicino il patrimonio ornitologico della Catalogna, considerata uno dei luoghi più importanti in Europa: qui infatti si trovano specie di uccelli rari e minacciati a livello internazionale, oltre che tantissime specie molto ricercate.

Ecco le zone principali della Catalunya in cui fare birdwatching:

Il Delta dell’Ebro

Il Delta dell’Ebro è uno dei migliori siti di birdwatching d’Europa.

Regione splendida, ricca di fascino per il suo essere sospesa tra cielo e acqua: si tratta infatti di una delle zone umide più importanti del Mediterraneo occidentale, in cui si mescolano le acque del mare, del fiume e quelle sotterranee, creando un habitat naturale ideale ad accogliere livelli importanti di diversità biologica. Proprio per questo motivo il Delta dell’Ebro è diventato nel 2013 Riserva della Biosfera dall’Unesco.

La fauna ornitologica selvatica che si trova in questa zona è stata quantificata in circa 100.000 esemplari di 343 specie di uccelli diverse: questa unicità attrae birdwatchers da tutto il mondo, che qui possono avvistare la più grande colonia mondiale di gabbiani corso, un uccello marino della famiglia dei Laridi, oltre al migliarino di palude e la seconda più grande colonia spagnola di fenicotteri rosa e mignattai, specie rarissima che si caratterizza per il particolare becco ricurvo con il quale si procaccia facilmente il cibo.

Ogni periodo dell’anno è perfetto per il birding nel Delta dell’Ebro perché ogni stagione regala emozioni uniche: uccelli nidificanti si possono avvistare in primavera ed estate, mentre la primavera e l’autunno sono i momenti migliori per osservare gli uccelli migratori, come cormorani e trampolieri.

Mariano Cebolla © ACT

Il Delta del Llobregat, appena fuori Barcellona

Un altro universo d’acqua, rifugio naturale per oltre 350 specie diverse di uccelli, è il Delta del Llobregat: per scoprirlo, puoi organizzare una gita da Barcellona, visto che questo delta si trova a poca distanza dalla città. Puoi unire così alla tua vacanza culturale tra i monumenti e la storia di Barcellona, anche una giornata immerso in un contesto naturale di rara bellezza che mescola paesaggi differenti dalle dune di sabbia alle pinete, dai campi coltivati alle lagune.

Il Delta del Llobregat si trova tra il massiccio del Garraf e la catena montuosa della Serra de Collserola ed è un’area ancora poco conosciuta e intatta, a pochi passi dal mare.
A rendere unica questa zona deltizia, la straordinaria ricchezza di flora e fauna difficile da trovare in altre parti del Mediterraneo.

L’attività di punta del Delta del Llobregat è proprio il birdwatching, che puoi praticare anche accompagnato da guide esperte insieme alle quali puoi andare alla scoperta degli uccelli più significativi dell’area, imparare a riconoscerne il canto e le caratteristiche distintive di ogni specie, così da saperle riconoscere con facilità.

Un’esperienza emozionante e totalmente immersiva tra uccelli selvatici che qui si fermano a svernare durante il loro viaggio migratorio dal nord Europa all’Africa. Preparati all’emozione di vedere con i tuoi occhi uccelli come la berta delle Baleari, il tarabusino, la schiribilla eurasiatica e il forapaglie castagnolo, solitamente difficili da avvistare in Europa. Con una buona dose di fortuna e pazienza, potrai anche avvistare alcune specie asiatiche e boreali.

José Luis Rodríguez © ACT

I Pirenei, là dove volano i rapaci

Scenario completamente diverso, ma altrettanto suggestivo, è quello offerto dal Parco nazionale di Aigüestortes i l’Estany de Sant Maurici, che protegge una delle aree meglio conservate dei Pirenei. Unico parco naturale della Catalunya, ospita flora e fauna alpina e subalpina, tra cui rare specie di volatili: fare birdwatching tra boschi di conifere e foreste ripariali, sotto lo sguardo di cime che sfiorano i 3.000 mt, è un’esperienza unica e memorabile.

Grifoni, civette capogrosso, venturoni alpini e gipeti, sono solo alcuni degli uccelli tipici dei paesaggi montani che nidificano nell’area dei Pirenei e che l’occhio esperto del birdwatcher può avvistare senza difficoltà.

Sebastiaan Bedaux © ACT
Selene Cassetta

Entusiasmo, sensibilità e gentilezza: queste le tre parole che dipingono la personalità di Selene, green travel blogger e copywriter. Per diffondere e sensibilizzare sui valori della sostenibilità ha aperto il blog “Viaggio Sostenibile”, nel quale si fondono la curiosità per tutto ciò che la circonda, la gratitudine per la bellezza anche ignorata, la sensibilità ecologica, il profondo rispetto per la Terra, la sete di storie e dettagli. Il suo desiderio è emozionare con le parole, cercando di ispirare a a vivere nello stupore delle piccole cose, di paesaggi inesplorati, di spazi naturali che aspettano solo di essere guardati con occhi nuovi.

Selene Cassetta